Vendemmia 2021: meno uve, ma più buone

DIARIO DI BELCORVO

STORIE
DI TERRA
E DI VINO

Data
Settembre 2021

15 SETTEMBRE

Vendemmia 2021: meno uve, ma più buone

Il mese di settembre porta sempre con sé, insieme al profumo dell’uva, l’emozione per un nuovo inizio. Il momento della vendemmia è uno dei più attesi dell’anno e inevitabile è la curiosità di sapere come andrà il raccolto.

Già qualche mese fa era stato previsto un probabile calo produttivo in tutta la penisola, che in questi giorni sta venendo confermato. Il clima non è stato clemente con le vigne, quest’anno: un autunno secco, un inverno molto piovoso e caratterizzato da eccezionali nevicate, per non parlare degli episodi di grandinate violente e gelate fuori stagione, che dal periodo di Pasqua in poi hanno flagellato molti territori, soprattutto in Nord Italia. Il ciclo vegetativo delle viti è così cominciato più tardi del normale, ma le temperature calde dell’estate hanno favorito la viticoltura, consentendo alla vendemmia 2021 di cominciare con solo una decina di giorni di ritardo rispetto al 2020.

Frattanto, lo scorso 8 settembre sono uscite le accurate previsioni vendemmiali di Assoenologi, Ismea e Unione Italiana Vini, che per la terza volta hanno unito le proprie competenze per stilare il report previsionale atteso da tutti i viticoltori.
Il calo produttivo viene purtroppo confermato: è stato stimato addirittura un 9% in meno della produttività, che così si assesterebbe a 44,5 milioni di ettolitri, contro i 49 milioni realizzati nel 2020.

Il Veneto resta il campione indiscusso della produttività tra tutte le regioni italiane: con oltre i 10 milioni di ettolitri previsti, da solo rappresenta quasi un quarto della produzione dell’intera penisola. Sembra inoltre che tra i vitigni che sapranno garantire prodotti di alto livello, ci sarà sicuramente anche il Glera.

Infatti, quest’anno a compensare il calo produttivo ci penserà l’ottima qualità delle uve. “Nella botte piccola sta il vino buono”: parafrasando il celebre detto, potremmo dire che nei raccolti più ridotti, si celano le uve più buone! Una consolazione per nulla secondaria, per gli amanti del buon vino.

Prepariamoci dunque a gustare nei prossimi mesi dei vini eccellenti e… Buona Vendemmia 2021!