Vino in parole: Terroir

DIARIO DI BELCORVO

STORIE
DI TERRA
E DI VINO

Data
Luglio 2021

15 LUGLIO

Vino in parole

IL GLOSSARIO ENOLOGICO
DI TENUTA BELCORVO

[Terroir]
/teru̯àr/ 

Terroir è un termine di origine francese che si sente ormai pronunciare dai veri esperti di vino di tutto il mondo. In enologia, indica la tipologia di terreno in cui un vitigno è stato coltivato, ma anche molto di più.
Con il termine terroir, infatti, ci si riferisce al rapporto unico che lega un vino al suolo da cui proviene e da cui ha preso le caratteristiche inconfondibili che si possono apprezzare nel momento della degustazione.

Nel determinare le peculiarità di un territorio intervengono diversi fattori. Il primo è sicuramente la zona geografica, alla quale è strettamente legato il tipo di clima: temperato, continentale, mediterraneo… da queste macro caratteristiche, dipendono le micro proprietà di ogni vino.
Dopodiché sono fondamentali le qualità specifiche dei suoli sui quali vengono impiantati i vigneti. Le condizioni chimiche e fisiche del terreno incidono senza ombra di dubbio sulle qualità organolettiche che i vini riceveranno in dono.

Ogni suolo ha una sua, diciamo così, “predisposizione” ad accogliere certi tipi di vigneti piuttosto che altri. La grande varietà dei suoli che coltiviamo in Tenuta Belcorvo consente di avviare il ciclo produttivo di vitigni anche molto diversi tra loro, ognuno con le proprie esigenze. Da ciascun terroir, con le sue tipicità, nascono vini dai caratteri ben definiti.

Localizzati tutti tra Veneto Orientale e Friuli Occidentale, proprio per le caratteristiche straordinarie di questi territori, protetti dai monti e vitalizzati dalla presenza del mare, i terreni che coltiviamo ci omaggiano con prodotti eccezionali.

Ad esempio, i nostri vigneti Barsè, situati a Gaiarine (TV), sorgono su suoli antichi, profondi, creatisi dai sedimenti deposti dal fiume Livenza nel corso dei secoli. La prevalenza argillosa di questi terreni li rende particolarmente plastici in inverno, quando dimostrano un alto indice di assorbimento dell’acqua in eccesso. Ma in estate tendono a fessurarsi con grande facilità, inducendo una riduzione della resa delle piante. Una terra non semplice da coltivare, ma che trasferisce ai suoi frutti e ai vini che ne derivano qualità uniche, come la complessità strutturale e la sostenuta gradazione alcolica che caratterizzano il nostro Barsè in bottiglia.

I nostri vigneti Bosco Mantova, collocati invece ad Azzano Decimo, in provincia di Pordenone, si trovano su suoli compatti e tenaci, generati da un antico sito boschivo di pianura. La ricchezza di materiale organico e complessità minerale si riflettono sulle uve dai piccoli acini qui coltivate, dalle quali si ricavano vini freschi, profumati e piacevoli al palato, come il nostro Pinot grigio.