Dolcecorvo: il bianco vellutato

DIARIO DI BELCORVO

STORIE
DI TERRA
E DI VINO

Data
Febbraio 2021

09 FEBBRAIO

Dolcecorvo: il bianco vellutato

Quando arriva l’ora del dessert, un calice di Dolcecorvo è la scelta perfetta da proporre agli ospiti. Equilibrato e amabile, accompagna le portate di pasticceria con un piacevole tocco di dolcezza. Il suo pregio è di riuscire a non coprire i sapori a cui si accosta, differenziandosi quel tanto che basta per esaltare i cibi a cui si abbina e riuscendo così a farsi apprezzare.

Dolcecorvo è un vino bianco dotato di buon corpo e personalità, leggermente tannico. Al palato se ne apprezza la sensazione vellutata. All’olfatto sfoggia un bouquet fresco e ampio, dalla buona intensità e persistenza. La preponderanza dei profumi fruttati si distingue per i sentori di mela, pera e mandorla.

Il suo contenuto zuccherino lo rende perfetto per accompagnare tanto la pasticceria secca quanto quella farcita a base di creme. In abbinamento a dolci fritti, come quelli tipici della tradizione carnevalesca, si esprime al suo meglio. Dolcecorvo è ottimo anche se abbinato a formaggi stagionati ed erborinati, la cui sapidità viene esaltata, per contrasto, dalla dolcezza del vino.

Con la sua alcolicità moderata (10,5% vol.), è un piccolo piacere da degustare anche da solo. L’importante è servirlo alla giusta temperatura di circa 10 °C in un calice dalla luce sufficientemente ampia per riuscire ad apprezzare la complessità dei suoi profumi.

Dolcecorvo è una delle etichette della linea Belcorvo Blend, ed è disponibile in tutti i formati pensati per i nostri vini sfusi. Damigiane, fusti e cisternette.
Un consiglio? Provate Dolcecorvo nelle nostre Bag in box! La soluzione perfetta per avere sempre a disposizione vino di qualità come appena stappato.

chiacchiere